TOKEN RING (802.5) Topologia ad anello

Token Ring

Nel 1972 IBM scelse l’anello per la sua architettura di LAN, a cui diede il nome di Token Ring. Successivamente, IEEE ha definito lo standard IEEE 802.5 sulla base di tale architettura.

Descrizione

Ogni calcolatore è collegato ad altri due formando un cerchio. Questo, ovviamente, a livello concettuale, in quanto nella realtà ciò non avviene, ma la rappresentazione grafica aiuta a capire il funzionamento. All’interno di questa rete solo un calcolatore alla volta può trasmettere, quello in possesso del token. Esso avvia la trasmissione dei dati trasferendoli al calcolatore vicino, il quale lo prende in consegna se è il destinatario, oppure ripetendo a sua volta il segnale verso l’altro calcolatore ad esso collegato, così fino a raggiungere il destinatario. Il destinatario poi setterà un bit nell’header del pacchetto confermando l’avvenuta ricezione. Il calcolatore che ha inviato il frame “lascerà” il token una volta che avrà ricevuto il suo frame trasmesso (passerà da calcolatore a calcolatore).

token ring

Schema di una rete Token ring

Quando il calcolatore che è in possesso del token ha terminato la trasmissione dei dati passa il token a quello vicino. Quest’ultimo se deve trasmettere dati inizia la comunicazione, altrimenti cede immediatamente il token senza impegnare il canale. Ogni calcolatore, ogni volta che riceve il token, può trasmettere al massimo un solo frame, quindi deve consegnare il token al terminale vicino.
Ogni terminale prima o poi riceverà il token ed avrà quindi la possibilità di trasmettere. I dispositivi di rete garantiscono la presenza di un solo token sull’anello, e provvedono a rigenerarne uno qualora questo venga perso a causa di guasti nella rete o al calcolatore che l’ha preso in consegna. Si tratta dunque di una modalità di accesso multiplo di tipo TDMA scandita dal token.

Leave a Reply


Latest Posts

AAA